Bonus Bebe’ 2015, 80 euro al mese per 3 anni: come funziona?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Debutta il bonus bebè 2015, il sussidio di 80 euro al mese riconosciuto alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affido preadottivo tra il 1° gennaio 2015 e il 32 dicembre 2017.
Dall’11 maggio, infatti, è possibile presentare all’Inps, in via telematica, la domanda per il riconoscimento del bonus. La somma stanziata dal Governo Renzi per l’erogazione del bonus, con l’obiettivo di incentivare la natalità e contribuire alle spese per il suo sostegno, è pari a circa 200mln di euro nel 2015, che saliranno a oltre 600mln nel 2016 e a più di 1 miliardo nel 2017.

Come funziona il bonus bebè:

  • il reddito familiare (Isee) deve essere inferiore a 25mila euro annui;
    il bonus spetta per i primi 3 anni di vita del figlio, a condizione che la nascita, l’adozione o l’affidamento preadottivo si verifichino tra i 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017;
  • l’importo del bonus è pari a 960 euro all’anno, divisi in 12 rate mensili da 80 euro ciascuna, che raddoppia per le famiglie con reddito Isee inferiore a 7mila euro: in questo caso, l’importo è pari a 160 euro al mese;
  •  la somma ricevuta non contribuisce al reddito imponibile della famiglia, motivo per cui non sarà necessario riportarlo nella dichiarazione dei redditi annuale.

Come si presenta la domanda:

  • la domanda va presentata all’Inps, in via telematica, sia accedendo direttamente al sito web dell’Inps, con il PIN dispositivo, che tramite l’ausilio di patronati, CAF e associazioni di categoria;
  • il termine per la presentazione della domanda è di 90 giorni dalla nascita del bambino o dal suo ingresso in famiglia a seguito di adozione o affidamento preadottivo;
  • il genitore che presenta la domanda può essere un cittadino sia italiano che comunitario, o anche extracomunitario con permesso di soggiorno Ue di lungo periodo, a condizione che, al momento della presentazione della domanda, sia residente in Italia e convivente con il figlio per il quale si richiede l’assegno.

In via transitoria, per le nascite o adozioni avvenute tra il 1° gennaio e il 27 aprile 2015, il termine di presentazione della domanda decorre dal 27 aprile, e scadrà il 27 luglio 2015. In caso di mancata presentazione della domanda nei termini, il pagamento del contributo decorrerà dalla data di trasmissione della stessa, e non dall’ingresso in famiglia del bambino.